Danni dovuti alla mancata revisione periodica

logo

A cura di Davide Munaretto

E’ usanza comune e piuttosto diffusa pensare che se il nostro orologio funziona bene non vi sia necessità di nessun controllo o intervento di manutenzione periodica e spesso questo capita proprio quando si ha a che fare con marchi blasonati come Rolex, Zenith, Omega etc.

Il problema è che invece, anche se non si vede, i lubrificanti con il tempo tendono a perdere le loro caratteristiche chimico-fisiche facendo venire meno il loro primo obiettivo, ovvero quello di ridurre gli attriti da strisciamento e quindi l’usura dei perni che trovandosi a lavorare praticamente a secco, nella migliore delle ipotesi tendono a consumarsi in modo irregolare introducendo cosi problemi spesso molto gravi e non facilmente recuperabili se non con la sostituzione dell’intero organo o della parte coinvolta.

Si consideri che in media l’olio lubrificante specifico per orologeria perde le sue caratteristiche dopo circa 5-8 anni in funzione dello stato di conservazione e uso dell’orologio.

Per meglio comprendere questo fenomeno, abbiamo raccolto una serie di esempi rilevati durante le varie revisioni che mostrano in modo chiaro e inequivocabile i danni causati dalla mancata lubrificazione.

Nelle immagini che seguono sono visibili due perni di un Asse di un orologio da tasca fortemente usurato, come è stato rinvenuto e dopo l’intervento di rettifica.

Questo tipo di intervento è possibile solo in casi in cui il perno non sia troppo compromesso e laddove vi sia poi la possibilità di ripristinare la sua sede con l’inserimento di una boccola di apposita misura.

perno perno1

perno2 perno3

Nel caso che segue è mostrato come un perno fortemente lesionato, anche se rettificato risulta poi troppo esile per essere messo in opera.

In questi casi si procede con l’asportazione del vecchio perno e alla ricostruzione di quello nuovo.

perno6 perno7

Anche in questo caso è stato necessario asportare il vecchio perno e ripernare la ruota.

 perno4 perno5

Come altro esempio vi mostriamo quello che può accadere ad un orologio (in questo specifico caso un ROLEX) che non viene revisionato da 15 anni…

La polvere è olio secco che si è sparso sotto la massa oscillante, mentre la ruota più prossima al bariletto di carica e quindi anche la più sollecitata, girando con l’olio ormai ridotto a grasso secco si è usurata e rigata in modo grave costringendo in questo caso alla sostituzione della parte con oneri che potenzialmente potevano essere tranquillamente evitati con una normale revisione periodica.

perno9

perno10 perno11

Questi che abbiamo visto sono solo alcuni esempi rilevati su orologi da polso o da tasca, ma ancora più sensibili sono poi i grossi movimenti come i pendoli, le parigine etc, che oltre a subire danni ai perni subiscono danni alle loro sedi ricavate spesso direttamente nelle platine di ottone testimoniano gli esempi che seguono

DSC03304 DSC03305 DSC03306

DSC03308 DSC03320 DSC03321

E dopo il loro ripristino…

DSC03332 DSC03333

Quello che segue è il classico caso ROLEX, ovvero pochissima manutenzione, nella convinzione che comunque finchè va…

DSC04866

Altro esempio di ROLEX precisione, di come un perno e la sua sede possano usurarsi per mancata lubrificazione

DSC05658 DSC05659 DSC05663

Dopo il ripristino…

DSC05662

ROLEX Cal. 1555 che a causa di una scarsa manutenzione e assenza di oli freschi ha riportato l’usura del perno della ruota centro.

DSC07614 DSC07616

Pendolo da parete, l’olio ormai secco ha consumato irrimediabilmente la superficie del perno che è stato necessario ricostruire

DSC09302 DSC09304 DSC09310

Ruota orologio da tasca consumato irrimediabilmente, è stato ricostruito

DSC09833 DSC09834

Ruota orologio da tavolo Cartier con perno consumato e ricostruito

Perno di un orologio Congreve rolling ball clock – Orologio cinetico, con evidenti segni di corrosione dovuti al deterioramento del lubrificante.

Ruota conduttrice della ruota a corona ROLEX 4030 con pignone completamente consumato

  

Movimento Venus 178 montato su Breitling, la mancanza di una lubrificazione corretta del perno del Bariletto ha portato al grippaggio del perno stesso non consentendo lo svolgimento della molla di carica.

Invertitore Omega SeaMaster, con perno dell’invertitore consumato in modo anomalo

Per quanto sopra, ricordiamo che se tenete ai vostri orologi, fateli revisionare periodicamente con la garanzia di scongiurare spese maggiori dovute ad usure impreviste…